Seleziona la tua area d'interesse

27.05.2015 Focus on

Tecnologia: la nuova anima del commercio

Prodotti senza segreti, camerini virtuali e acquisti a portata di smartphone: ecco come saranno i punti vendita del futuro. Che a New York sono già realtà.

Che il futuro del commercio sia online, ormai, non è più un mistero. L'ultima conferma è arrivata da uno studio dell'americana Frost&Sullivan: nel 2020 il mercato delle vendite online b2b (business to business, e cioè ad aziende) raggiungerà i 6700 miliardi di dollari, coprendo il 27% del totale del commercio mondiale tra imprese. Il doppio della vendita al dettaglio b2c (business to consumer). Questo significa che i tradizionali negozi, i supermercati e le grosse catene di vendita scompariranno? No, e gli stessi dati sopra riportati sembrano suggerirlo: le nuove tecnologie sono infatti in grado di offrire al retail l'assist giusto per proporre al cliente quel qualcosa in più che può fare la differenza.
 
 
iBeacon ti dice tutto
Pensiamo, ad esempio, a iBeacon, la tecnologia di Apple che ha recentemente debuttato in Italia. Il centro commerciale Vulcano Buono di Nola (Napoli) è stato uno dei primi ad averla adottata. Grazie alla geolocalizzazione questo sistema ci fornisce tutte le informazioni necessarie sulla dislocazione del prodotto che stiamo cercando.
 
Se, ad esempio, vediamo un interessante paio di pantaloni, avvicinandogli il nostro smartphone comparirà tutta la sua “storia”, con i materiali, il luogo di produzione e i consigli sulla cura dei capi e su come indossarli… oltre, ovviamente, alle immancabili recensioni degli altri utenti. Il tutto grazie a degli emettitori di segnali a basso costo.
 
 
Indossare senza indossare
Altra opportunità, i camerini virtuali, al centro di un recente accordo tra Google e la nostrana OVS. Si tratta di camerini in cui, accanto al classico specchio, ci sono un monitor e una videocamera. All'interno il cliente potrà provare i capi di abbigliamento senza indossarli, con una simulazione dell'effetto che farebbero addosso.
 
Dallo schermo del camerino, poi, possiamo chiamare un commesso e farci portare altri capi; oppure altre taglie e altri colori. Non solo: con questa tecnologia è anche possibile “entrare” virtualmente negli altri punti vendita OVS alla ricerca di capi magari terminati.
 
 
Niente code grazie allo smartphone
Un'altra possibilità è quella realizzata a New York già dallo scorso anno da Powa Technologies: si tratta dell'acquisto in negozio direttamente via smartphone, senza inutili code alla cassa. Basterà scattare una foto: click, e l'acquisto è fatto, ovviamente agganciandosi alla propria carta di credito o conto corrente. Il nuovo servizio PowaTag, oltre al negozio e alla classica piattaforma online, consentirà di acquistare un prodotto anche a partire da un semplice messaggio pubblicitario, in strada o in tv.
 
Ma è nei negozi che questo prodotto farà la differenza: potranno infatti trasformarsi in veri “mercati” hi-tech brulicanti di vita e di informazioni, ad esempio su sconti e offerte speciali, mentre il retailer avrà sempre sottocchio le preferenze della clientela.
 
 
Le ultime tendenze della Grande Mela
Ma quali sono le ultime tendenze che renderanno i negozi e il mondo del retail in genere sempre più smart? A fare da apripista, e non poteva essere diversamente, è New York. Prendiamo, ad esempio, i Lego Store della Grande Mela: accanto a una tipologia di vendita ultra-tradizionale come i mattoncini sfusi, tra gli scaffali si possono trovare scatole di costruzioni dotate di tag RFId, che consentono ai clienti di visualizzare sul proprio smartphone le costruzioni finite e in movimento, in una vera esperienza di realtà aumentata.
 
Mentre la catena di prodotti per la casa Lowe's ha messo a punto un'app che, sempre grazie alla geolocalizzazione, consente di trovare velocemente i prodotti ricercati;  un canale YouTube, invece,  illustra video dimostrativi sui prodotti.
 
 
Appuntamento a Roma
Per conoscere le prossime tendenze, due sono gli eventi in cui si riunirà il gotha del retail mondiale: il World Retail Congress, che si svolgerà a Roma dall'8 al 10 settembre presso l'hotel Waldorf Astoria Cavalieri. E che si concluderà, nella serata del 10, con i prestigiosi World Retail Awards. Dove, nell'edizione 2014, spiccava l' “oscar” per il miglior concept vinto dal punto vendita di Eataly all'ex Teatro Smeraldo di Milano.